In marzo si celebra la Festa della Donna!

Di Martina Kren



Una giornata speciale dedicata a tutte le donne sia qui da noi in terra elvetica, che nel resto del mondo. Un importante appuntamento celebrato con mazzi di fiori (in particolar modo con le mimose) e con molte altre coccole speciali che spaziano dallo shopping sfrenato, a sedute di benessere, oppure a corsi di cucina, visite in cantina, passeggiate tra i vivai per scegliere i vasi di fiori più belli e… nei casi più decadenti, spettacoli di spogliarello al maschile.


Ma soprattutto, come in occasione di ogni vera e propria festa, non può mancare del buon vino. Ed a questo punto, onde rasserenare i vostri animi, riportiamo che le statistiche dimostrano che in Svizzera (come pure in Francia, Australia, Stati Uniti e nel Regno Unito), sono proprio le donne ad essere le principali acquirenti di vino; ed inoltre, è accertato che nel mondo della produzione del vino, ci sono sempre più donne nei ruoli di sommelier, enologhe, viticoltrici e “gran conoscitrici di vino”; e per finire, sempre secondo le più recenti statistiche, sul piano mondiale oltre il 51% delle donne dichiara di bere almeno un bicchiere di vino al giorno: dunque cosa state aspettando?!!


Bene; fatte queste costatazioni, la domanda sorge spontanea: tra le mille declinazioni che il nettare di Bacco può assumere, da dove dovete iniziare nella scelta del vino ideale per l’occasione?


Ecco una breve guida che vi aiuterà a scegliere il vino più adatto (prettamente a chilometro zero) per la Festa della Donna


Una cosa è certa: è tutta questione di gusti. Di scelte soggettive e di sensibilità individuale. Non ci sono regole fisse. La migliore strategia è di conoscere la donna che volete omaggiare con una bottiglia o con un calice e, in base ai suoi gusti, fare la vostra scelta. Se non ne siete certi, fatele qualche domandina (ma con molta nonchalance… ci raccomandiamo!).


Una volta individuato il gusto della signora, non dovete fare altro che seguire le nostre dritte su come selezionare il nettare più adatto… e sorprenderla piacevolmente!


E’ un’amante delle bollicine?

Per celebrare una festa non c’è proprio nulla di più azzeccato. Perlage fine, delicatezza, effervescenza, raffinatezza ed eleganza. E, vista l’occasione, perché non sorprenderla con una bollicina rosata a chilometro zero? Charme Rosé Spumante Brut Ticino DOC: uve merlot vinificate in rosato dal profumo delicato, fruttato e fragrante: una scelta elegante che farà un gran colpo!



Preferisce il bianco?

Onde sedurre il suo palato con sapori molto intensi, vigorosi, fragranti e persistenti, una bottiglia di

Il Sauvignon Blanc Ticino DOC vinificata con uve di Sauvignon in purezza è la bottiglia ideale: il caldo colore dorato, il sapore deciso e duraturo con il profumo elegante con sentori di agrumi, pesca ed erbe aromatiche, lasceranno Madame… a bocca aperta!



Lei gradisce il rosato?

Forse lo predilige perché il colore rosa viene associato alla delicatezza, alla gran classe ed alla femminilità: il vino rosato è il nettare che è sempre più quotato e che ben si addice sia per l’aperitivo che anche a tutto pasto. Un assemblaggio di uve di Merlot, Gamaret e Carminoir vinificato con pigiatura soffice usando il primo fiore del mosto fermentato a bassa temperatura… e nel bicchiere si sprigionerà un colore rosa brillante dal profumo intenso, fruttato ed al contempo delicato e fragrante… servitele del Rosa di Luna Rosato del Ticino DOC e la proietterete direttamente… sulla luna!



Madame predilige il rosso?

In questo caso non c’è ombra di dubbio: è necessario evitare vie di mezzo e, senza esitazioni, … sfoderare l’artiglieria pesante! Le volete regalare una Festa della donna 2020 davvero… MEMORABILE? Nel caso affermativo, inebriatela magicamente con delle uve di Merlot, Cabernet Franc, Syrah, Cabernet Sauvignon e Petit Verdot selezionate a mano, appassite e poi affinate in barriques nuove di rovere francese per 18 mesi. Il risultato è un vino dal colore rosso rubino con profumi intensi e complessi, con un sapore ricco e pieno, con tannini grintosi ma al contempo eleganti. Sfoggiate del Diamante del Rosso del Ticino DOC: un nettare da meditazione semplicemente… DIVINO! Madame ricorderà questa Festa della Donna… in eternità!




E per finire, ecco una chicca dedicata al vino… e, soprattutto, alle Donne!



“I vini bevibili

soprattutto con amore

sono come le belle donne,

differenti, misteriosi e volubili,

ed ogni vino come una donna va preso.

Comincia sempre col rifiutarsi con garbo o villania,

secondo temperamento

e si concede solo a chi aspira alla sua anima,

oltre che al suo corpo.


Apparterrà a colui che la scoprirà con delicatezza. „



Luigi Veronelli (1926-2004) grande enologo, cuoco, gastronomo, e scrittore italiano.

2 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti